Allarme ambientale a Baia, quintali di plastica sommergono la spiaggia della Beata Venerenella

55

Allarme ambientale sulla spiaggia della Beata Venerenella nella frazione di Baia.

Quintali di plastica, proveniente dal mare sono stati trasportati in superficie dalle mareggiate degli ultimi giorni.

La sabbia, praticamente scomparsa è stata sepolta da bottiglie, buste e spazzatura.

Sintomo questo di un mare inquinato.

Stessa situazione anche sulla spiaggia di Licola e di Bagnoli.

A fare da copertina a questo degrado senza fine la foto del sub Pasquale Vassallo che nelle ultime ore sta diventando virale sui social.

Si tratta dell’urlo agonizzante di un cefalo, immortalato sul fondale marino dei Campi Flegrei a ridosso dell’aerea del Parco archeologico sommerso di Baia che in molti sul web hanno paragonato all’urlo di Munch.

Sott’acqua sono tante le reti abbandonate e quelle abusive e tanti sono gli animali che muoiono per mano dell’uomo ingerendo plastica e spazzatura.

Il sub ai nostri microfoni lancia l’allarme.

http://www.parcoarcheologicosommersodibaia.it/parco.php?id_lingua=it