Aversa, per una sera capitale della moda e della solidarietà: D’Aniello lancia le borse Giaquinto

997

Devolvere il 3% del fatturato in azioni di solidarietà E’ l’impegno ribadito dalla famiglia D’Aniello di Aversa, titolare di una delle principali boutique di abbigliamento italiano, nel corso dell’evento di presentazione del brand di borse Giaquinto. Aversa è diventata, dunque, per una sera capitale della moda e della solidarietà. In un solo spazio la moda internazionale e il made in Naples.
Grande l’attenzione dei principali media specializzati nella moda così come è stata ampia la partecipazione di esponenti dell’imprenditoria: Carlo Casillo, presidente della Sezione Moda dell’Unione industriali di Napoli, Carlo Palmieri, AD del gruppo Carpisa Yamamay, Andrea Miranda, AD del gruppo Cocca, Pasquale Della Pia, consigliere della Sezione Moda dell’Unione Industriali di Napoli, Giovanni e Luigi Della Pia, rispettivamente CEO dei brand di calzature Dei Mille e 18kt, Ernesto Esposito AD di Microtec Passepartout, Pasquale Rizzitelli, tra i principali ristoratori del franchising Fratelli La Bufala, ad alcuni fra i più famosi designer italiani nel mondo, come Ernesto Esposito, ad alcune tra le più seguite blogger italiane.La boutique di D’Aniello ha catapultato i suoi ospiti nella NewYork negli anni Ottanta, tempo di mode stravaganti e tendenze che seguivano la famosa icona del pop Madonna con la sua Like a Virgin, anni che hanno segnato la storia, l’arte e la musica. In linea le borse Giaquinto, che hanno una qualità affine a quella delle principali maison del lusso.
Non a caso, la famiglia Giaquinto, composta da Gennaro e i suoi figli Paolo e Claudio, proprietaria dell’omonimo brand, è anche alla guida dell’azienda P&C, da anni fiore all’occhiello dell’industria pellettiera campana, vantando collaborazioni durature con Christian Dior, Fendi, Bulgari ed altri.

SHARE