Consiglio comunale di Napoli, sì alla manovra di assestamento

85

Il Consiglio comunale di Napoli ha approvato la manovra di assestamento di bilancio al termine di una seduta durata dodici ore. Il documento contabile è passato a maggioranza con il voto contrario delle opposizioni. La delibera, con la relazione del sindaco de Magistris sullo stato di attuazione del piano di rientro dal disavanzo di amministrazione, è stata illustrata dall’assessore al Bilancio, Enrico Panini, che ne ha spiegato la struttura riepilogando la cronistoria del piano di rientro dal disavanzo e la sentenza della Corte dei Conti, soffermandosi sulle risorse destinate al recupero del disavanzo, sulle maggiori entrate tributarie e sulla legittimità dei debiti fuori bilancio.

La manovra di assestamento mostra maggiori accertamenti Imu per un valore di circa 3 milioni di euro, entrate da imposta di pubblicità per 390mila euro nel 2018 e maggiori recuperi sul 2019 pari a 2 milioni di euro relativamente a Tares e Tari.

Nella manovra l’amministrazione comunale ha coperto tutti i debiti fuori bilancio per un valore di circa 14 milioni di euro.

Numerosi i consiglieri che sono intervenuti nel dibattito tra cui il capogruppo del Pd, Federico Arienzo e Salvatore Pace, di Dema.

SHARE