Lorenzo Insigne testimonial del progetto Le4C dedicati ai giovani disagiati

70

Le 4 C dell’iniziativa spegiegano l’obiettivo: Connessione, Crescita inclusivoa, Cura, Capitale Umano”. Il progetto, realizzato grazie ai fondi della Fondazione Con il Sud, coinvolgerà 1200 bambini, 400 genitori e 50 insegnanti in varie attività che spazieranno da quelle ludiche a quelle di formazione. Al via lunedì 11 giugno a Casalnuovo. L’iniziativa nasce dalla sinergia tra l’associazione capofila ‘I Bambini di Teresa Onlus’ e l’amministrazione comunale di Casalnuovo , tre istituti scolastici, due cooperative sociali, due associazioni e il Dipartimento di Scienze politiche dell’Università Federico II di Napoli. I bambini saranno coinvolti in attività volte ad accrescere e valorizzare le potenzialità dei bimbi attraverso servizi ludico-educativi e di prevenzione socio-sanitaria. Il nostro obiettivo è garantire il diritto allo sviluppo fisico, cognitivo e relazionale dei bambini in un ambiente sereno, che troppe volte è negato da condizioni economiche e difficili. Presentazione con tanto di videomessaggio del calciatore del Napoli, Lorenzo Insigne, che ha anche donato la sua maglia numero 24.

Alla tavola rotonda, era presente il sindaco Massimo Pelliccia e dell’assessore Simona Visone, la docente universitaria Paola De Vivo che ha introdotto l’iniziativa; Maria Teresa Serranò, Impresa sociale con i bambini; Paolo Siani, pediatra e Deputato; Giuseppe Scialla, Garante regionale per l’infanzia e l’adolesenza; Rosaria D’Anna, presidente Associazione Italiana Genitori; Elena De Filippo, presidente cooperativa Dedalus; Luisa Franzese, Direttrice dell’Ufficio scolastico regionale per la Campania; Osvaldo Cammarota, Operatore Sviluppo Territoriale – Banca Risorse Immateriali.

Tra gli altri partner della Rete a supporto del progetto LE4C ci sono i dirigenti scolastici Nicola Borrelli del “I Circolo De Curtis”, Claudio Mola de “I Ragazzi D’Europa”, Luisa De Simone dell’istituto “Viviani”, Giacomo Smarazzo della cooperativa Era e Gaetano Amorico dell’Associazione Diabetici Junior.

 

 

 

SHARE