Piedigrotta si veste a festa per la Madonna, messa con il Cardinale Sepe e i parroci del decanato

112

Si è vestita a festa la basilica Santa Maria di Piedigrotta per la celebrazione della nascita Madonna che come ogni anni si svolge dal 2 al 12 settembre. In occasione dell’affidamento della chiesa alla Vergine, solenne concelebrazione con i sacerdoti del decanato presieduta dall’Arcivescovo di Napoli, il Cardinale Crescenzio Sepe.
Una celebrazione particolarmente cara alla comunità locale e che affonda le sue radici prima del 1200. Ma il luogo divenne leggenda nel racconto popolare. Il racconto orale vuole che la Vergine nel 1356, l’8 settembre, apparve in sogno a tre persone contemporaneamente: a un tal Benedetto, prete di S. M. a Cappella, a Maria di Durazzo monaca di Castel dell’Ovo e a un tal Pietro, un eremita, chiedendo loro di costruirLe un tempio ai piedi dell’antica grotta in onore di Dio e suo. Si vuole ancora che proprio durante gli scavi per l’erezione di tale tempio venisse ritrovata la statua della Madre di Dio che ancor oggi è venerata. Questa leggenda può ritenersi essere in margine alla storia in quanto essa narra del desiderio della Vergine di avere un tempio degno della gloria di Dio invece di una umile cappellina e di una immagine, forse addirittura murale. Essa però non può essere storia perché è documentalmente certa la preesistenza della cappella.
Boccaccio riporta nel 1349 che la “Madonna de Pede rotto” era a Napoli popolarmente invocata come giuramento. Tra i maggiori animatori dell’evento, che negli anni era parte integrante della Festa dei Carri allegorici di Piedigrotta, l’attore Benedetto Casillo che ha preso parte alla liturgia con il vicesindaco di Napoli, Raffaele Del Giudice.

SHARE