Violenza di genere, consiglio regionale: “Anche libri utili al contrasto”

55

“Un bel libro che si legge con passione. Nel dipanarsi della storia, pubblicata peraltro da un editore del nostro territorio, emergono tante contraddizioni della nostra società, come la violenza di genere. Un fenomeno culturale che va contrastato con tutti gli strumenti che abbiamo a disposizione. A partire dall’Osservatorio sul fenomeno della violenza sulle donne che abbiamo istituito in Regione, a tutte le iniziative messe in campo per incidere sulla mentalità dei giovani, soprattutto dei maschietti”. Così il presidente del consiglio regionale della Campania, Rosa D’Amelio, che stamattina è intervenuta alla presentazione, nella Sala Nasssiriya della sede della Regione, del romanzo “La ragazza di Vizzini – Una storia a due cuori” (edizioni Delta 3), scritto a quattro mani dall’avvocato cassazionista Emanuela Sica e dal giornalista Michele Vespasiano.

Il romanzo racconta il percorso di rinascita di un uomo e una donna, quest’ultima vittima di violenza psicologica e fisica da parte di un compagno che la colpevolizza spacciando per sentimento il possesso esclusivo del suo corpo.

“La storia di un amore tossico – aggiunge il presidente dell’Osservatorio, Rosaria Bruno – simile a tante storie vere che abbiamo ascoltato fino ad oggi. Da una stima dell’utenza dei centri antiviolenza e presso il servizio sanitario, il nostro territorio è fortemente interessato dal fenomeno. E i dati non sono confortanti: in sei mesi, tremila donne vittime di violenza si sono rivolte al servizio sanitario. Siamo la seconda regione, dopo la Lombardia, per numero di femminicidi. Il fenomeno si mostra sempre più trasversale, non si differenzia per provenienza sociale, né per grado di istruzione, come pure evidenzia il romanzo di Sica e Vespasiano che ho molto apprezzato”.

SHARE